Archivio per il mese 05-2009

Landjuweel and the Chambers of Rhetoric

(30-05-2009 - romanzieri in news. 0 commenti)

Landijuweel

As is so often the case on the erratic path taken by this blog, the background to a series of arresting or compelling images – that chooses to randomly dive in front of my passing browser – offers its own fascinating dimension for exploration and provides both context and added depth to the visual subject matter.
On this occasion however, the connection between the imagery and the story is not so much tenuous – although it might be that too – as relatively obscure. The pictures do follow directly from an unusual or at least esoteric episode of regional cultural history, but exactly why the one begat the other is a little beyond my powers of distillation, let’s say. Enlightening comments are invited. Inventive fiction will otherwise suffice…
bibliodissey

Subway letteratura, da Milano al resto d’Italia

(29-05-2009 - romanzieri in news. 0 commenti)

Gli scaffali dei juke box letterari nelle fermate delle metropolitane milanesi tornano da oggi e per tre settimane a riempirsi. Sono 13 i libretti di subway-letteratura che per l’ottavo anno faranno compagnia ai viaggiatori e propongono 12 racconti oltre a un volume che raccoglie le opere di otto poeti. Tutti autori esordienti under 35 selezionati da una giuria tra gli oltre mille partecipanti al concorso che mette in premio la pubblicazione gratuita. I testi, stampati su carta riciclata e con prefazioni d’autore, verranno pubblicati in 4,5 milioni di copie e con illustrazioni di copertina scelte con il concorso parallelo per giovani illustratori ‘Copertine al trattò. Oltre a Milano e, per la prima volta, l’hinterland (si potranno trovare anche su 23 linee Nord-est Trasporti) il circuito si allarga portando i volumi a Roma, Napoli, Venezia, Palermo, Mantova e da quest’anno anche nelle città dell’Emilia Romagna, a partire da Bologna. Per chi dovesse perderli sarà possibile leggere i testi tutto l’anno sul sito internet del progetto.
subway-letteratura.org

Haruki Murakami, 1Q84

(29-05-2009 - romanzieri in news. 5 commenti)

Lunghe file nelle librerie giapponesi per il debutto di 1Q84, il nuovo romanzo di Haruki Murakami, dopo cinque anni di silenzio letterario. Avvolto da un insolito segreto fino alla sua uscita, il nuovo lavoro di Murakami era diventato un best seller già prima dell’arrivo in libreria. Secondo la casa editrice, Shinchosha, la richiesta è stata talmente sostenuta da rendere necessario un tempestivo aumento della prima tiratura, passata da 380.000 alle attuali 480.000 copie, con la libreria online Amazon Japan che già oggi ha esaurito le scorte. Del romanzo non si sa quasi nulla: più di mille pagine, divise in due volumi venduti a 1.890 yen (14 euro) l’uno, e il titolo, 1Q84, che letto alla giapponese diventa la data 1984 (la lettera Q si pronuncia kyu, come il numero nove), che cita il titolo del romanzo di George Orwell. La scelta di non diffondere informazioni sulla trama del libro e di non effettuare alcuna promozione è stata presa in accordo con la casa editrice, che pare abbia ricevuto proteste da numerosi fan in occasione dell’uscita nel 2002 del romanzo Umibe no Kafka (tradotto in italiano col titolo Kafka sulla spiaggia), insoddisfatti per l’eccessiva fuga di notizie in merito al libro. Murakami, 60 anni, è considerato da molti il più importante romanziere nipponico vivente, tanto da essere stato spesso indicato come possibile candidato al premio Nobel per la letteratura.

I media sotto attacco dal potere corrosivo della Rete

(29-05-2009 - romanzieri in news. 0 commenti)

La rete e i “vecchi” media. Rapporto conflittuale, visto che spesso la carta stampata e la tv guardano Internet come la fonte primaria della loro crisi. In primo luogo, perché il web cattura di più l’attenzione dei media old style, essendo sempre più usato come una inesauribile fonte di informazione e di comunicazione. Un problema che gran parte della carta stampata ha affrontato aprendo redazioni on line o mettendo a disposizione, spesso a pagamento, talvolta gratuitamente, i propri archivi. Una scelta che non ha certo fermato l’emorragia di lettori dei giornali, ma solo riprodotto un modo di produzione dell’informazione che ha perso la sua forza propulsiva…
il manifesto blog cultura

Einaudi: no a Saramago, diffama Berlusconi

(29-05-2009 - romanzieri in news. 1 commento)

L’Einaudi rifiuta un libro del Nobel. Lo pubblicherà Bollati Boringhieri. Il libro nasce dal suo blog (di cui esiste anche una traduzione autorizzata in italiano), che su questi temi spara da tempo a palle incatenate. In un brano paragona Berlusconi a Catilina, facendo riecheggiare l’usque tandem di ciceroniana memoria, in un altro prende partito per Di Pietro e la sua Idv, riallacciandosi a un’intervista sul País di Paolo Flores d’Arcais e Andrea Camilleri: «Il piccolo partito di Antonio Di Pietro, l’ex magistrato di Mani Pulite, può diventare il revulsivo di cui l’Italia ha bisogno per giungere a una catarsi collettiva che risvegli il civico agire nella parte migliore della società italiana. È l’ora». Saramago usa la sciabola, e non solo per quanto riguarda l’Italia. È di pochi giorni fa il piccolo giallo di un indignato articolo sull’influenza suina ripreso col copia e incolla dal Guardian e finito – a sua firma – anche su Repubblica.
La Stampa

Stieg Larsson: Millenium 4 non uscirà mai

(28-05-2009 - romanzieri in news. 0 commenti)

La famiglia di Stieg Larsson «ha deciso di non pubblicare il quarto libro di Millennium». Lo ha detto Søren Stærmose, produttore dei film tratti dalla trilogia dell’autore svedese morto prematuramente nel 2004.
«Del quarto libro – ha spiegato il produttore, a Roma per presentare la pellicola tratta da Uomini che odiano le donne – Larsson ha scritto 300 delle 400 pagine previste. La storia è ambientata nel Nord del Canada e Lisbeth si ritrova tra eschimesi e orsi polari. Pare comunque che questo non fosse il quarto libro. Larsson, avendo in mente di articolare la storia in 10 romanzi, aveva scritto le tracce di tutti e si era divertito a scrivere il quinto prima del quarto».
La Stampa

Pesaro: libri per la campagna elettorale

(28-05-2009 - romanzieri in news. 0 commenti)

Fa campagna elettorale seguendo il suo istinto di lettrice ed editor per professione. Invece dei tradizionali “santini” regala libri nuovi e usati. Cristina Tizian, candidata al consiglio comunale di Pesaro con la lista del sindaco uscente Luca Ceriscioli (Pd), lascia in giro nei bar, al mercato, in piazza volumi di saggistica, narrativa, epica, di storia, e persino di ricette. Ne ha comprati mille, li ha avvolti nel cellophane insieme ad una brochure con il suo nome e il suo slogan, ‘Stavi cercando proprio me? Per me la cultura è dappertutto, e ha quasi finito di distribuirli. Quarantasei anni, due figli, editor di narrativa alla Rizzoli, una laurea in letteratura francese e un diploma di interprete la Tizian si candida per la prima volta. Ha puntato tutto sui libri perché sono il suo mondo, ma coltiva anche la speranza che le opere seminate in città vengano lette davvero, anche da chi vota per il centrodestra, il cui leader, peraltro, è anche editore. In un paese in cui la media dei lettori «forti» (da uno ad almeno tre libri l’anno) è bassissima, la sua appare forse l’idea più ambiziosa della campagna elettorale: “Mi è sembrato un modo carino e naturale di fare campagna elettorale – spiega – e spero tanto di essere eletta. Anche perché incontro gente che mi chiede sempre nuovi libri, persino al bar. Sarebbe un grande traguardo entrare in consiglio grazie alla cultura”.